Visualizzazioni totali

lunedì 25 gennaio 2016

L'automa



Es.Au 09
Così c’era scritto su una etichetta attaccata al suo fianco. Era il nono esemplare di automa del dottor Albert von Zinmer.



Es.Au. 09 non era come gli altri otto automi precedenti. Il dottor Zinmer stava cercando di perfezionare la volontà dell’automa in modo che provasse i sentimenti tipici degli esseri umani. Purtroppo il suo creatore morì prima che potesse finirla lasciandola così “nuda”.
Es.Au. 09 si trovò così a vivere pur senza consapevolezza di cosa fosse la vita. Provava il desiderio assurdo di voler essere non più un automa ma un essere umano, eppure non aveva la minima idea di come ciò potesse essere possibile, percepiva la differenza tra l’essere un assieme di metallo e ingranaggi e un corpo coperto di pelle morbida.
Un giorno una immagine la colpì: Il dottor Albert von Zinmer teneva una miniatura di Maria Antonietta sulla mensola del camino. Quella Maria Antonietta era l’unico punto di riferimento che Es.Au 09 aveva sugli esseri umani, così prese una decisione. Nell’unica settimana in cui tutti si mascherano diventando qualcun altro anche lei poteva essere ciò che desiderava: lei da quell’anno sarebbe stata Maria Antonietta.
Purtroppo nel laboratorio del suo creatore non c’erano costumi o maschere a parte quella appena abbozzata che sarebbe dovuta essere il suo viso.
Ogni anno, prendendo una vecchia tovaglia ricamata, una maschera truccata per l’occasione ed una parrucca Es.Au 09 (esperimento automa 09) diventava L’automa di Maria Antonietta.

Nessun commento:

Posta un commento