Visualizzazioni totali

mercoledì 31 maggio 2017

Zia Favola arriva in Libreria e racconta la sua storia: una storia Siculish


Appena uscito nelle librerie Zia Favola, una storia Siculish di Cono Cinquemani è già un successo.
Zia Favola non è solo la storia di una migrante siciliana dei primi del novecento, è l’avventura di una ragazza, spigliata, curiosa, ambiziosa e ironica che nasce a San Cono per fare fortuna a Broccolino.
Il romanzo consigliato questo mese dall’Urlo ha un’altra fondamentale peculiarità: è il primo romanzo mai realizzato in lingua Siculish. Quella che si credeva fosse solo una serie di storpiature dell’inglese misto a siciliano, attraverso anni di studio si è rivelata una vera e propria lingua, ovvero un sistema comunicativo verbale formato da codici ben precisi anche nati spontaneamente, insomma, sia il sanconese emigrato a Broccolino (Brooklyn) che il palermitano trasferito a Losanghele anno lo stesso modo di parlare. Questi studi specifici hanno evidenziato come alcune parole si ripetono indipendentemente da ceto sociale, provenienza o professione e tra i registi di Ellis Island balza agli occhi dell’autore Cono Cinquemani, il nome di Favola Cinquemani.
Da questa scoperta la voglia di conoscere meglio Zia favola e di scriverne la storia.
Foto Assya D’Ascoli
Romanzo scritto in prima persona proprio da Zia Favola apporta una innovazione linguistica ovvero quella del siculish. Niente paura per il lettore, molti termini sono già arrivate alle sue orecchie da parte di qualche parente emigrato, altre sono comprensibili per il modo sapiente in cui Cono Cinquemani le incastona nel testo; in ogni caso l’editore Aut Aut edizioni ha posizionato alla fine del testo un glossario che, detto fra noi, è bello da leggere anche da solo e non solo come supporto al romanzo.
Aut Aut edizioni, con Zia Favola, una storia Siculish ha voluto aprire al mondo della letteratura non solo la realtà storica dei migranti vista da una angolazione decisamente diversa, ma si assume l’enorme responsabilità di aver fatto entrare ufficialmente il siculish nel linguaggio letterario.
Un romanzo che sa accompagnare il lettore proprio come se si trovasse nel salotto eccentrico di una vecchia cara zia mentre ascolta la sua storia sorseggiando uno coffi e addentando una squisitissima checca.

Nessun commento:

Posta un commento